skip to Main Content

Come evitare traumi durante l’apnea il Taravana

Esistono casi ben documentati di sintomi neurologici insorgenti acutamente in soggetti che fanno immersioni in apnea particolarmente impegnative per l’elevata profondità o per il loro numero elevato. In particolare, questa sindrome è stata descritta in pescatori professionisti di perle ed è stata denominata Taravana. Parrebbe che il Taravana sia dovuto alla pesca subacquea in apnea e alla mancanza di tempi di recupero adeguati. Difatti i pescatori polinesiani delle isole Tuamotu, effettuavano da 40 a 60 immersioni al giorno ad una profondità variabile tra i 30 ed i 42 metri. Questi effettuavano la discesa con un peso tra i piedi, e risalivano arrampicandosi su di una fune a cui, da un lato, era ancorato il cesto per la raccolta delle perle che veniva recuperato a forza di braccia dal barcaiolo in superficie. La discesa era di durata variabile tra i 30 e i 60 secondi, con un tempo totale d’immersione intorno ai 100 s (1.40 minuti), ed intervallo di superficie, tra una immersione e l’altra, di 4-6 minuti.

Le caratteristiche cliniche salienti del Taravana sono l’esordio durante o subito dopo la fine dell’attività subacquea, la sintomatologia suggestiva per lesioni cerebrali e la documentazione con esami radiologici di piccole lesioni multiple a livello del cervello.

Per diverso tempo il Taravana è stato interpretato semplicemente come il risultato di un accumulo di azoto conseguente alle ripetute (ancorché brevi) esposizioni iperbariche; in pratica una vera e propria malattia da decompressione.

Quando e’ piu’ probabile che possano conparire delle problematiche dovute al taravana:

  • Contesto:
  • Immersioni a zavorra fissa
  • Profondità da 20 a 45 m;
  • Iperventilazione prolungata per un tempo variabile tra 30 e 60 secondi;
  • Risalita rapida;
  • Sforzo muscolare;
  • 15 immersioni/ora di media;
  • 5/6 ore continuative;
  • obiettivo : pesca subacquea
  • -Le manifestazioni cliniche riscontrate sono:
  1. vestibolari – labirintiche :

          – vertigini,

          – disturbi dell’equilibrio,

         – disturbi uditivi (ipoacusia, tinnito, sordità improvvisa)

  1. neurologiche centrali:

       – disartria,

       – afasia,

      – emiparesi e/o parestesie destre

Il taravana puo’essere evitato mediante l’adozione di alcune semplici precauzioni:

  • Intervallo di superficie almeno doppio del tempo di apnea;
  • Diminuire la velocità di risalita negli ultimi 8-10 metri;
  • Risalita a glottide aperta per evitare barotraumi polmonari;
  • Assunzione liquidi durante la gara o la battuta di pesca;
  • Non esporsi ad estenuanti giornate di pesca.
Back To Top